L'impatto dei social media nell'istruzione

social media marketing

Le nuove tecnologie di informazione e comunicazione incidono su tutti i settori della vita sociale. Ieri siamo stati 'ridotti in schiavitù' dai media tradizionali, vale a dire: televisione, radio, stampa. Ma oggi, con l'avvento del sistema digitale, il mondo ha preso un'altra forma.

La tendenza attuale

Le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione non hanno risparmiato il campo dell'educazione. L'hanno occupato da cima a fondo. Ad esempio, 9 su 10 adolescenti di età compresa tra 13 e 17 anni utilizzare piattaforme di social network. E di questa popolazione, il 71% utilizza più di una piattaforma. Inoltre, le femmine appartenenti a questa popolazione ricevono in media 40 testi al giorno.





Studenti e insegnanti non fanno eccezione, ed è talvolta difficile fare a meno dei social media. Questo dice molto. Ma l'avvento dei social media non riguarda solo l'oscurità e i negativi. Le piattaforme di interazione sociale presentano diversi pericoli, tra cui la disinformazione, ma anche diversi vantaggi se utilizzati correttamente. Ecco perché è importante educare i giovani a questo scopo.

Questo articolo mira ad affrontare l'argomento da diverse angolazioni. Vedremo nuovi impatti dell'integrazione dei social media nell'apprendimento. Vedremo anche la loro utilità per la formazione in servizio degli insegnanti, in particolare attraverso comunità di apprendimento virtuali e comunità di pratica.

modalità opera turbo

Social media: impatti positivi per gli studenti

Abbattere la barriera psicologica

I social media riducono le barriere psicologiche che possono esistere tra individui che comunicano faccia a faccia o in tempo reale. Utilizzati in un contesto scolastico, consentono scambi molto ricchi in cui, formalmente o informalmente, gli alunni e i professionisti discutono di varie materie (accademiche o di altro tipo), promuovendo così la collaborazione e aumentando l'apprendimento.



perché il mio computer continua a disconnettersi dal mio hotspot

I disturbi psicologici derivanti dalle pressioni accademiche e aggravati dalle attività extracurriculari degli studenti, sono reali. Tuttavia, oggi, con l'aiuto di diverse iniziative online, con siti come EssayYoda che offre compiti e assistenza per i saggi, gli studenti possono ora tirare un sospiro di sollievo. Puoi leggi di più come acquistare un saggio.

Ricevi feedback da colleghi e insegnanti

Inoltre, la facilità con cui si può generalmente commentare post sui social media consente un rapido feedback da colleghi e insegnanti. Inoltre, se utilizzati in una situazione di apprendimento, questi media incoraggiano i giovani a riflettere e mantenere un giudizio critico sulle loro parole, che a volte devono riformulare e perfezionare prima di pubblicarle.

Acquisire competenze tecnologiche

Utilizzando i social media, gli studenti sviluppano anche il know-how e le capacità tecnologiche che saranno utili per tutta la loro vita, come download, modifica e pubblicazione di contenuti. L'acquisizione di competenze tecnologiche, a sua volta, aiuta gli studenti a prepararsi per il futuro immediato. A scuola, molti sono interessati a creare portafogli online e ad imparare a creare curriculum perfetti, come quelli offerti CraftResumes, che sarà utile per la vita post scuola.



Sviluppare capitale sociale

Alcuni sostengono addirittura che la padronanza dei social media avrebbe un impatto positivo sullo sviluppo del capitale sociale di tutti. Per capitale sociale, pensiamo a tutte le risorse (reali e virtuali) di un individuo o di un gruppo. Robert D. Putnam, professore di pubblica amministrazione presso la JFK School of Government dell'Università di Harvard, riassume: “I social network hanno un valore“. Oggi i siti di social network sono il principale mezzo di comunicazione per molte persone!

Social media per insegnanti

Sentiamo spesso che gli studenti padroneggiano i social media meglio dei loro insegnanti! Tuttavia, alcune strade interessanti possono contribuire all'integrazione dei social media nella loro pedagogia.

I siti di social network, gli spazi di messaggistica istantanea o di conversazione possono essere molto utili per la formazione e lo sviluppo professionale degli insegnanti, in connessione con le tecnologie educative, ma anche per molti altri aspetti.

Comunità di apprendimento virtuale

Le comunità di apprendimento virtuale hanno lo stesso obiettivo delle comunità di apprendimento fisico. Questo tipo di gruppo mira a formare gli insegnanti attraverso webinar offerti in modalità sincrona. Di durata limitata e offerti in un quadro formale e organizzato, le presentazioni o la formazione sono seguite in diretta dagli utenti, il tutto grazie a piattaforme Web come Adobe Connect, Via, Zoom o BlueJeans. Queste interfacce a pagamento sono spesso preferite rispetto ad altre gratuite (come Skype) perché supportano meglio un gran numero di utenti.

socializzare le app

Questo tipo di presentazione remota consente l'acquisizione di conoscenze diverse. Le discussioni virtuali con altri utenti consentono il collegamento in rete che sarebbe stato più difficile a causa della distanza, del viaggio e dei costi che ne conseguono. Infatti, grazie alla messaggistica istantanea (integrata nelle piattaforme) e agli scambi diretti, la comunicazione tra i partecipanti è molto semplice. Inoltre, varie istituzioni educative stanno anche iniziando a trasmettere web alcune delle loro attività.

Comunità virtuali di pratica (VCoP)

VCoPs sono utili anche per formare coloro che sono coinvolti nella comunità educativa. Questi ti consentono di incontrarti in modalità asincrona per scambiare liberamente e spontaneamente tramite messaggistica istantanea, mailing list o gruppi chiusi creati su siti di social network. Raggruppati da affiliazioni comuni (materia insegnata, valori professionali o di altro tipo), i vari oratori discutono di molti argomenti in base ai loro obiettivi o alle loro intenzioni del momento. Le comunità di pratica sono generalmente meno strutturate delle comunità di apprendimento, ma ciò non influisce sulla facilità di diffusione, condivisione o scambio di informazioni pertinenti.

crea un account bitmoji

Piattaforme come Courselle, Google Classroom ed Edmodo sono molto utili per queste comunità di pratica. Consentono in particolare la creazione e la condivisione di attività di apprendimento con insegnanti di tutto il mondo. Promuovono inoltre l'accesso a diversi modi di fare le cose o alla competenza. I gruppi privati ​​su Facebook rappresentano anche uno strumento semplice e intuitivo per questo tipo di comunità.

Le parti interessate possono incontrarsi volontariamente e discutere delle loro pratiche. Esaminano o condividono informazioni e consultano il gruppo in caso di attività. Le notifiche stimolano anche la partecipazione degli utenti che devono solo seguire l'avanzamento del contenuto in base ai loro interessi.

Modi per rompere l'isolamento professionale

Queste comunità virtuali portano molto all'insegnante che ne approfitta. Mentre restano al lavoro, tutti possono rompere l'isolamento e rimanere informati sulle ultime tendenze pedagogiche, interessanti attività di apprendimento e molto altro. Consentendo la condivisione di informazioni di vario tipo, queste comunità stimolano anche l'aiuto reciproco grazie alle risposte puntuali di altri utenti e consentono persino di dare uno sguardo critico alla loro situazione. Pertanto, favoriscono la creazione di conoscenza dinamica e la trasformazione della conoscenza.