Non acquistare Huawei, ZTE e altri telefoni cinesi avvisa i capi dell'intelligence degli Stati Uniti

huawei zte chinese brands chinese smartphones

Gli Stati Uniti e la Cina hanno una faida di vecchia data sebbene entrambi vorrebbero renderla meno pubblica. Non è un segreto che la crescente influenza della Cina nel panorama politico ed economico globale sia inquietante per ciò che si crede da molto tempo essere la superpotenza del mondo. È così con un pizzico di sale che noi (persone al di fuori degli Stati Uniti e della Cina) prendiamo le parole per i migliori capi dell'intelligence degli Stati Uniti che consigliano agli utenti di non acquistare marchi di smartphone cinesi come Huawei e ZTE, tra gli altri. Sebbene sia giusto, questo consiglio era principalmente rivolto alle persone in America.

Ovviamente, ci saranno alcuni benefici politici ed economici per gli Stati Uniti se gli americani (e ancora meglio se il resto del mondo fuori dalla Cina) seguisse questo consiglio. Come significherebbe che i marchi americani (iPhone, Google Pixel e simili) competerebbero meglio in un mondo in cui i marchi cinesi stanno diventando sempre più popolari.





I capi dell'intelligence degli Stati Uniti dal CIA, FBI, NSA e direttore della sicurezza nazionale, come citato dal CNBC, sostengono che gli smartphone realizzati da Huawei e ZTE stanno conducendo uno spionaggio per conto di Pechino. I capi accusano gli smartphone cinesi di spiare potenzialmente le persone, rubare informazioni agli utenti e causare problemi di telecomunicazione.

A causa di queste accuse, il corriere americano Verizon ha recentemente smesso di avvalersi dei telefoni Huawei per i suoi abbonati a seguito delle pressioni del governo degli Stati Uniti. Ciò significherebbe che il consumatore medio in America troverà un trambusto extra per l'acquisto di telefoni Huawei negli Stati Uniti.

Marchi cinesi nei Paesi in via di sviluppo

Nel mondo in via di sviluppo, gli smartphone cinesi sono già molto popolari e non vi è alcuna indicazione che si fermerà presto. Semmai, la loro popolarità accelererà. La maggior parte dei consumatori ritiene che i telefoni cinesi siano relativamente convenienti rispetto a iPhone, Samsung, LG e Google Pixel.



Oltre all'angolazione dei prezzi, i telefoni cinesi sono dotati anche di funzioni killer. Modelli come il nuovo Huawei Mate 10 Pro sono dotati di specifiche e funzionalità che possono mettere al tappeto ciò che trovi in ​​un modello decente di uno smartphone iPhone o Samsung.

Sebbene non vi sia alcuna indicazione che le autorità di polizia informatica in Africa innalzino la bandiera sui prodotti elettronici cinesi. Non passa inosservato che ci sono state accuse mosse contro Pechino per aver usato i suoi prodotti per attività di spionaggio in Africa e nei Caraibi.

Di recente, ci sono state accuse secondo cui l'edificio dell'Unione Africana ad Addis Abeba, interamente finanziato e costruito da zero dalla Cina, aveva insetti piantati nel complesso per spiare capi di stato e delegati africani. Sebbene sia l'UA che Pechino siano venute in seguito a spazzare via queste accuse.



La Cina è stata anche accusata di condurre spionaggio informatico nei Caraibi con il pretesto di un aiuto. I laptop di marca cinese, Lenovo, sono stati donati ad alcuni paesi dei Caraibi e in seguito sono sorte le accuse di tali dispositivi di spionaggio degli utenti.

Le società cinesi stanno inoltre stipulando enormi contratti con i governi africani per la creazione di infrastrutture digitali in tutto il continente. Prendiamo ad esempio la migrazione delle trasmissioni TV dall'uso di segnali analogici a digitali. Aziende cinesi come StartTimes ha assicurato le gare d'appalto del governo sia in Kenya che in Zambia solo per citare alcuni paesi.

Lo stesso si può dire delle infrastrutture di telecomunicazione. Il recente Il Mi-Fi di Jamii Telecommunication Ltd. in Kenya che abbiamo recentemente recensito proviene da ZTE. Sebbene ora trattate come semplici accuse, se davvero la Cina sta usando le sue compagnie per lo spionaggio, allora l'Africa (e il mondo in via di sviluppo in generale) devono guardare oltre la necessità di infrastrutture e dispositivi ICT. La stessa attenzione dovrebbe essere prestata alla sicurezza e alla privacy delle TIC.